Informativa europea SDD

News

Sviluppo delle imprese e mercato dei capitali: ne parliamo lunedì a Brescia

Continua a leggere »

Banca Valsabbina alla 12^ Settimana della Finanza Veronese

Continua a leggere »

Banca Valsabbina assieme a Inarcassa nel progetto Vitruvio

Continua a leggere »

"L'economia italiana tra presente e futuro", ne parliamo a Padova

Continua a leggere »

Presentate le nuove maglie della Banca Valsabbina Millenium Volley

Continua a leggere »
Vedi tutte le news

Sistemi di Pagamento

L’Area Unica dei Pagamenti in Euro (SEPA – Single Euro Payments Area) è l’area che, facendo seguito all’introduzione dell’euro, rappresenta un ulteriore e decisivo passo in avanti verso la piena realizzazione del mercato unico europeo.

Il suo obiettivo principale è la creazione di un mercato dei pagamenti armonizzato che offre degli strumenti di pagamento comuni (bonifici, addebiti diretti e carte di pagamento), che possono essere utilizzati, all’interno della SEPA, con la stessa facilità e sicurezza su cui si può contare nel proprio contesto nazionale.
I nuovi strumenti di pagamento europei sono disponibili già da alcuni anni e hanno rappresentato un’alternativa agli attuali strumenti di pagamento nazionali, ma questo periodo transitorio sta per scadere.

Il regolamento Europeo 260/12 (Regolamento Sepa end Date) ha infatti definito che, con decorrenza 1 Febbraio 2014, verranno dismessi i Bonifici Italia che saranno sostituiti da SEPA Crediti Transfer (SCT) e i servizi nazionali di addebito diretto (RID) lasceranno il posto ai corrispondenti europei SEPA Direct Debit (SDD).

Gli altri servizi di pagamento come MAV, RAV, Bollettini Postali e Bancari, Riba, Bonifici di importo rilevante e ad alta priorità, Bonifici non in Euro o verso paesi extra area SEPA, non subiranno alcuna variazione poiché non trovano diretta corrispondenza con i servizi di addebito europei.

Bonifici Italia/SEPA Crediti Transfer

SEPA Crediti Transfer (SCT) è lo strumento che, sostituendo definitivamente i Bonifici Nazionali, permette di effettuare disposizioni di pagamento in Euro all’interno dei 33 Paesi aderenti all’area SEPA ed è rivolto sia alle Aziende sia ai Consumatori.
Le modalità operative di esecuzione dei pagamenti singoli e di quelli continuativi non subiranno rilevanti variazioni in quanto Bonifici Italia e SEPA Crediti Transfer (SCT) hanno caratteristiche molto simili.

Pur essendo molto simili, i bonifici SEPA Crediti Transfer (SCT) hanno delle caratteristiche tecniche proprie che di seguito riepiloghiamo.

  • Data Esecuzione/Data Valuta: non sarà più possibile indicare la Valuta Banca Beneficiario, ma dovrà essere indicata solo la data di esecuzione.
  • Descrizione/Causale: la descrizione del pagamento non potrà superare i 140 caratteri e sarà necessario specificare una “Causale SEPA” scegliendo tra un numero di possibili causali predefinite e riconosciute a livello internazionale.
  • Importazione flussi di pagamento (Bonifici/Stipendi): le disposizioni di pagamento predisposte in forma raggruppata via flusso elettronico potranno essere trasmesse esclusivamente secondo nuovi standard tecnici CBI, definiti sulla base del formato XML ISO 20022. Questa variazione degli standard non comporta alcun impatto nel caso di pagamenti (Bonifici/Stipendi) singoli o multipli digitati manualmente su Valsabbina Corporate Plus.

Per gli ordini di pagamento massivi sarà invece necessario provvedere ad adeguare i sistemi informativi aziendali per il conferimento di ordini in formato SEPA basato sullo standard internazionale ISO 20022 XML; l’uso di tale standard sarà obbligatorio dal 1 Febbraio 2016.

RID/SEPA Direct Debit

SEPA Direct Debit (SDD) è un servizio di incasso basato sulla sottoscrizione da parte del debitore di
un’autorizzazione (mandato) a prelevare i fondi dal proprio conto corrente e sostituirà gli attuali RID.

Per i Consumatori
 non è necessario alcun intervento: le utenze e le rate continueranno ad essere
regolarmente pagate in quanto le autorizzazioni sottoscritte per i RID saranno ritenute valide anche sul nuovo servizio SDD.

Per le aziende creditrici
, invece, è previsto un sostanziale cambiamento operativo poiché sarà necessario integrare i database contenenti le informazioni delle domiciliazioni RID, adeguare i sistemi di gestione AEA e produrre i messaggi per le banche secondo lo standard ISO 20022 XML.

Maggiori dettagli sono disponibili all’interno della guida allegata:

Tutte le nostre Filiali sono a completa disposizione per ogni ulteriore informazione.